Come modificare la pressione degli pneumatici in funzione della velocità

Sapete che è utile modificare la pressione dei propri pneumatici per guidare ad alta velocità? In teoria nessuno dovrebbe essere interessato a questo articolo perché i limiti di velocità in Europa ci obbligano a guidare a velocità moderate.

Ciononostante, teniamo a precisare alcune cose per i più audaci.

A causa del carico che devono sopportare, i fianchi degli pneumatici subiscono una leggera deformazione e il battistrada si abbassa quando entra in contatto con la strada.

Il fenomeno della deformazione dello pneumatico a velocità elevata

Gli ingegneri usano il termine flessione per designare il calcolo della differenza di misura tra raggio "senza carico" (tra la cima dello pneumatico e il centro, ovvero la parte di pneumatico che non subisce deformazioni a causa del contatto col suolo) e raggio "sotto carico" (tra il centro dello pneumatico a la strada, parte dello pneumatico che si abbassa quando entra in contatto col suolo).

Più la velocità è elevata, più gli pneumatici si deformano mostrando un abbassamento significativo del battistrada. Ovvero, più un automobilista guida veloce, più la flessione o deformazione dello pneumatico è importante. Parallelamente, più la velocità aumenta, più la capacità di carico del veicolo diminuisce.

La pressione dello pneumatico deve essere adatta alla velocità alla quale avete l'abitudine di guidare per conservare un livello di sicurezza e prestazioni ottimale.

Quale pressione per quale velocità?

Prendiamo l'esempio di uno pneumatico standard, di dimensione 215/50R17 91W, per il quale il numero di rotazioni si avvicina alle 520 al chilometro. A 50km/h, il numero di rotazioni è di circa 7 giri al secondo. Quando la velocità aumenta per raggiungere i 240 km/h, il numero delle rotazioni si aggira nell'intorno delle 35 al secondo! In pratica, questo si traduce con una deflessione dello pneumatico ogni 28 millisecondi. Più la velocità è elevata, più la deformazione dello pneumatico è importante.

L'ETRTO (Organizzazione Tecnica Europea per gli Pneumatici e i Cerchioni) ha riconosciuto che il fenomeno della deformazione degli pneumatici ha un'importanza non trascurabile e che deve essere ridotto per evitare di mettere in pericolo gli automobilisti che conducono a velocità elevate.

L'ETRTO ha quindi stabilito una modifica della pressione e del carico in funzione della velocità di circolazione. In caso di velocità elevata, è necessario applicare una pressione di gonfiaggio superiore a quanto indicato sul fianco dello pneumatico.

Indicazioni per conoscere la pressione adeguata rispetto a una certa velocità.

Prendendo come punto di partenza la pressione consigliata dal costruttore nelle condizioni di guida ordinarie, la pressione dello pneumatico deve essere aumentata in modo graduale in funzione della velocità. Nell'esempio illustrato di seguito, la pressione di 2.4 bar consigliata dal produttore per uno pneumatico 215/50R17 91W, può essere aumentata di 0.10 bar ogni volta che la velocità aumenta di 10 km/h.

Ovviamente, eccetto il caso in cui voi siate al volante di una Formula 1, è impossibile che possiate modificare la pressione mentre guidate. Pensate quindi in anticipo alla pressione necessaria prima di commettere imprudenze.

+10km/h = aumentate la pressione di +0.10 bar

In seguito, e quando la velocità di guida continua ad aumentare, la capacità di carico indicata dall'indice situato sul fianco dello pneumatico diminuisce del 5% per ogni aumento di 10km/h, e questo fino a quando la velocità non sia aumentata di 30km/h supplementari.

+10km/h = -5% della capacità di carico

Nel nostro caso, lo pneumatico 215/50R17 91W con un indice di carico standard poteva sopportare 671 chili. Questa capacità di carico raggiunge solo più 570 chili quando lo pneumatico è montato su un'auto lanciata a 270km/h.